musica e canti

 

Brani estratti dal CD “Cercu Largu”:

 

VOGGHJU GRIDARI

(voglio gridare)  testo e musica di Danilo Montenegro, 1974

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Il brano tratta il tema dell’emigrazione:

“Vogghju gridari, vogghju gridari io vogghju gridari o suli o ventu e all’acqua di lu mar…” (trad: Voglio gridare, voglio gridare io voglio gridare al sole al vento e all’acqua del mare.)

 

_

CERCU LARGU

(cerco spazio) testo e musica di Danilo Montenegro, 1989

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

 Inquinamento ambientale e la ricerca dello spazio fisico, in particolare quello psicologico, per pensare liberamente:

“Cercu largu nu pocu i largu, cercu largu pe jocari saddari penzari nu pocu i largu pe no moriri…”  (trad: Cerco spazio un po’ di spazio, cerco spazio per giocare,correre,pensare, un po’ di spazio per non morire.)

 

_

FRAGALÁ DI MELISSA

testo e musica di Danilo Montenegro, 2001

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

L’occupazione delle terre a Fragalà di Melissa, in cui morirono Angelina Mauro, Francesco Nigro e Giovanni Zito:

“Figghju figghju mio volivi sulu fatigari, figghju figghju mio pagasti cu la vita toi…”  (trad: Figlio figlio mio volevi solo lavorare, figlio, figlio mio hai pagato con la tua vita.)

 

_

A METITURISCA, PENZERI E FATIGA

(stoppie bruciate, pensieri e fatica) testo e musica di Danilo Montenegro, 1987

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

parla del passato, dei lavoratori della terra sfruttati e maltrattati, quando però i valori dei sentimenti erano sani:

“Oj’ u gridu anticu di l’umanità diventau lu tititi di li computer e lu fuuf di l’urtima navicella spaziali…” (trad:  Oggi  il grido atavico dell’umanità è diventato il tititi dei computer e il fuuuf dell’ultima navicella spaziale.)

 

 

 

Brani estratti dal CD “Amari è Peniari”:

 

TARANTELLA MINORE 

testo e musica di Danilo Montenegro, 1985

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Racconta la felicità di due innamorati, per questo il giovane invita tutti a ballare in piazza gridando:

“Cantati puru vui e fati festa, ca è lu megghju juri di la grasta…”  (trad: Cantate anche voi e fate festa perché è il più bel fiore della pianta.)

 

_

AMURI AMURI

( amore amore) canto tradizionale, elaborato e trascritto da Danilo Montenegro.

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

È un canto dolcemente d’amore. L’innamorato dice che per  lei ha fatto una pazzia perché lo ha stregato

 

_

A POPOLINELLA

( ragazza  più amata dal popolo) testo e musica di Danilo Montenegro, 1984

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Racconta le peripezie che il giovane, scelto,  deve affrontare per incontrarsi, di nascosto, con la ragazza  più bella e desiderata da tutto il  paese.

 

_

STRATA PASSEGGERA

( strada abbandonata) canto tradizionale, elaborato e trascritto da Danilo Montenegro,  Inedito

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Canto d’amore disperato. L’innamorato  costretto a emigrare lontano deve abbandonare la via dove vive la sua ragazza. Per questo i suoi occhi diventano fontane di lacrime avvelenate.

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>